https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/issue/feed Rivista Italiana di Ornitologia 2018-06-21T14:27:08+02:00 Emanuela Fusinato emanuela.fusinato@pagepress.org Open Journal Systems <p>The scientific journal <strong>Rivista Italiana di Ornitologia - Research in Ornithology (RIO)</strong> publishes original articles and short notes covering all major topics of ornithology twice yearly. The RIO was founded in 1911 by Ettore Arrigoni degli Oddi (1867–1942), Filippo Cavazza (1886–1953), Francesco Chigi (1881–1953), Alessandro Ghigi (1875–1970), Giacinto Martorelli (1855–1917) and Tommaso Salvadori (1835–1923). The first series ended its publication run in 1925, but the journal was revived as a second series in 1931, under the directorship of Arrigoni degli Oddi. In 1933, Edgardo Moltoni (1896–1980) took over as RIO Editor and became its owner and publisher up to his death. The Italian Society of Natural Sciences (Società Italiana di Scienze Naturali) then took over ownership of the RIO in 1981, publishing it in collaboration with the Museum of Natural History of Milan (Museo di Storia Naturale di Milano).<br><br> The <strong>Rivista Italiana di Ornitologia</strong> is available as library exchange: <a href="mailto:C.MSNMbiblioteca@comune.milano.it">C.MSNMbiblioteca@comune.milano.it</a></p> https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/236 Ibrido di Gallinella d’acqua (Gallinula chloropus, Linnaeus 1758) × Folaga (Fulica atra, Linnaeus 1758) in una zona umida urbana del Friuli Venezia Giulia 2018-06-21T14:27:08+02:00 Fabrizio Florit fabrizio.florit@regione.fvg.it Roberto Parodi parodrob@tin.it Pier Luigi Taiariol taiariol.p@alice.it <p>Nel 2012 e nel 2015 un ibrido di Gallinella d’acqua <em>Gallinula chloropus</em> e Folaga <em>Fulica</em> atra è stato osservato nel Rio Bujon nel capoluogo del comune di Porcia (Pordenone, Italia nord-orientale). L’ibrido presentava dimensioni e alcune caratteristiche del piumaggio tipiche di <em>G. chloropus</em> (mantello e parti superiori delle ali bruno-oliva; linea bianca dal profilo spezzato sui fianchi; sottocoda bianco con linea centrale scura), mentre il becco e lo scudo frontale apparivano di colore bianco candido, con sfumature rosate in corrispondenza delle narici, come tipicamente viene osservato in <em>F. atra.</em></p> 2018-06-21T14:27:08+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/370 La Cicogna bianca (Ciconia ciconia) in Piemonte e in Provincia di Torino dal 1996 al 2014 2018-06-21T12:07:44+02:00 Paolo Marotto paolomarotto2@gmail.com Luciano Ruggieri paolomarotto2@gmail.com Gabriella Vaschetti paolomarotto2@gmail.com <p>Viene presentata un’analisi della popolazione di Cicogna bianca (<em>Ciconia</em> <em>ciconia</em>) in Piemonte nord occidentale e, specificatamente, in provincia di Torino negli ultimi 20 anni. Il primo tentativo di nidificazione risale al 1980, ma è solo a partire dal 1996 che si è registrata una colonizzazione del territorio torinese con la presenza di un massimo di 8 coppie (2014). Parallelamente, anche il numero di individui svernanti nella stessa area, particolarmente in prossimità di discariche di rifiuti urbani, è aumentato. Viene indicata una correlazione tra l’aumento del numero di individui non migranti e il numero di coppie nidificanti nella stessa area.</p> 2018-06-21T12:07:39+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/369 Il ruolo delle zone umide della Regione Lombardia durante la migrazione dei limicoli: un’analisi per il genere Tringa ricavata dal portale www.ornitho.it 2018-06-21T11:58:29+02:00 Fabio Saporetti saporettif@gmail.com <p>In Italy, the launch of the online portal at www.ornitho.it in 2009 has played a key role in advancing our knowledge about the abundance, geographical distribution and phenology of birds, and has greatly improved everyday ornithological issues. Indeed, the extensive participation by many observers has provided an opportunity to obtain new insight into the phenology of many species of migratory birds, such as Tringa sp. In this paper,&nbsp; I have analysed the data gathered between 2010 and 2014 on the genus Tringa&nbsp; in Lombardy, amounting to a total of 5,590 validated records for spring and autumn migrations. The analysis revealed that the rice-farming area of S-W Lombardy – which covers more than 90,000 hectares located mainly in the province of Pavia – represents an invaluable habitat during the spring migration by supporting the bulk of migrating waders. Other man-made habitats, such as restored sand and gravel pits and water-collection tanks, are of similar importance for the diversity of the wader community, but, together with the few natural wetlands, support much lower numbers of individuals. The wood sandpiper is the most abundant species, with groups reaching 600 individuals, followed by the spotted redshank and the greenshank. The green sandpiper is the most common and widespread species, with a low number of&nbsp; individuals reaching the highest altitudes (above 2,600 m a.s.l. in the province of Sondrio) during the autumn migration. The common redshank is relatively rare, generally distributed around 200 m a.s.l. in the provinces of Pavia and Milan, while the marsh sandpiper is definitely rare, with only 68 records in the five-year period analysed.</p> 2018-06-21T11:58:26+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/322 Importanza di un impianto di fitodepurazione per l’avifauna acquatica nidificante e svernante. Il caso di una Cassa di Colmata (Mira, Venezia, Italia settentrionale) 2018-06-21T11:49:17+02:00 Francesco Scarton scarton@selc.it Mauro Bon mauro.bon@fmcvenezia.it Oliviero Trebbi oliviero.trebbi@libero.it <p>Nell’impianto di fitodepurazione della Cassa di Colmata A (Mira, Venezia), ampia 110 ha di cui due terzi rappresentati da canneti, durante gli anni 2011-2016 è stata accertata la nidificazione di 17 specie di uccelli acquatici, sia comuni (cigno reale, folaga, tuffetto, germano reale) che di maggior interesse conservazionistico (tarabuso, moretta tabaccata, fistione turco). L’avifauna acquatica svernante include 29 specie; le più abbondati sono risultate germano reale e alzavola, con presenze anche di specie di interesse conservazionistico come moretta tabaccata e tarabuso. Come altri bacini di fitodepurazione, anche quello studiato ha assunto rilevante valore per l’avifauna selvatica nel volgere di un breve periodo di tempo dall’avvio del progetto.</p> 2018-06-21T11:49:16+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/260 Wetland selection, niche breadth and overlap in 10 duck species wintering in northern Campania (Italy) 2018-06-21T11:39:27+02:00 Stefano Giustino mfraissinet@tiscali.it Marcello Bruschini mfraissinet@tiscali.it Elio Esse mfraissinet@tiscali.it Silvana Grimaldi mfraissinet@tiscali.it Danila Mastronardi mfraissinet@tiscali.it Silvia Capasso mfraissinet@tiscali.it Alessio Usai mfraissinet@tiscali.it Maurizio Fraissinet mfraissinet@tiscali.it <p>Analysis of the selection index, the niche breadth and the niche overlap of 10 species of wintering ducks in 11 wetland areas of the Campania region between January 2003 and 2015 revealed that the distribution of the species in the examined sites was not casual. In fact, each species actively chose their wintering area. Using selection index, we were able to measure the species’ preferences and non-preferences for the 11 examined sites. By calculating Shannon-Wiener entropy and its normalized value (Evenness), we determined niche breadth; the Morisita index allowed us to check niche overlap.</p> 2018-06-21T11:38:44+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/336 Gli uccelli della provincia di Novara (Piemonte, Italia): distribuzione, abbondanza e stato di conservazione 2018-06-07T14:51:50+02:00 Fabio Casale fabio.casale@libero.it Ettore Rigamonti fabio.casale@libero.it Marco Ricci fabio.casale@libero.it Luca Bergamaschi fabio.casale@libero.it Raffaele Cennamo fabio.casale@libero.it Angelo Garanzini fabio.casale@libero.it Leonardo Mostini fabio.casale@libero.it Alessandro Re fabio.casale@libero.it Valentina Toninelli fabio.casale@libero.it Mauro Fasola fabio.casale@libero.it <p>In questo lavoro viene riportato un elenco commentato degli uccelli noti per la provincia di Novara (1.340 km2) aggiornato al 31/12/2016 e vengono forniti dati di sintesi relativi alle attività di monitoraggio condotte in anni recenti (2009-2016). I dati sono stati raccolti sia attraverso revisione bibliografica sia attraverso attività di ricerca diretta sul campo. L’avifauna della provincia di Novara annovera o ha annoverato (dal 1860 al 2016) 304 specie delle quali 135 nidificanti certe o probabili in tempi recenti (dopo il 2000), 85 di interesse comunitario (Allegato I della Direttiva “Uccelli”), 116 SPEC - <em>Species of European Conservation Concern</em> secondo BirdLife International e 53 inserite nella <em>European Red List of Birds.</em> L’area è di importanza europea e/o nazionale per la nidificazione di specie di interesse conservazionistico quali <em>Egretta</em> <em>garzetta</em> (650-1.100 nidi), <em>Nycticorax</em> <em>nycticorax</em> (200-300 nidi), <em>Botaurus</em> <em>stellaris</em> (5-7 maschi cantori), <em>Ciconia nigra</em> (1-2 coppie), <em>Ciconia</em> <em>ciconia</em> (4-6 coppie), <em>Himantopus</em> <em>himantopus</em> (300-500 coppie), <em>Vanellus vanellu</em>s (500-600 coppie), <em>Columba oenas</em> (20-30 coppie), nonché per la migrazione di <em>Philomachus pugnax</em> (5.000-7.000 ind.) e <em>Tringa glareola</em> (500-1.500 ind.). Negli ultimi anni (2009-2016) si segnalano in particolare: la nidificazione accertata per la prima volta nel Novarese di<em> Ardea alba,</em> <em>Galerida cristata</em> e <em>Lullula arborea</em>; il ritorno di <em>Burhinus oedicnemus</em> e <em>Chlidonias niger</em> in periodo riproduttivo dopo decenni di assenza; la colonizzazione da parte di <em>Dryocopus</em> <em>martius</em> degli ambienti forestali di collina e di pianura.</p> 2017-05-12T13:38:22+02:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/332 Stato di conservazione e valore di riferimento favorevole per le popolazioni di uccelli nidificanti in Italia 2018-06-07T14:51:52+02:00 Marco Gustin marco.gustin@lipu.it Mattia Brambilla marco.gustin@lipu.it Claudio Celada marco.gustin@lipu.it <p>Le linee guida comunitarie per monitorare lo stato di conservazione delle specie e degli habitat richiedono che gli Stati membri forniscano un’indicazione del “<em>Favourable</em> <em>Reference</em> <em>Value</em>” (FRV), o “Valore di Riferimento Favorevole”. Il FRV rappresenta un obiettivo di conservazione a lungo termine, tale da rappresentare una situazione indubbiamente favorevole per una data specie, in grado di garantirle ottime possibilità di persistenza nel lungo periodo. La disponibilità di FRV consente una valutazione più oggettiva e trasparente dello stato di conservazione di una specie. Il presente lavoro ha valutato lo stato di conservazione delle specie ornitiche nidificanti in Italia, sviluppando un metodo basato sui requisiti delle direttive comunitarie che integra al suo interno la definizione dei valori di riferimento. Attualmente, è stato proposto un metodo per la definizione dei FRV per popolazione, range e habitat per ciascuna specie, ma è stato possibile procedere ad una identificazione su base quantitativa del solo FRV relativo alla popolazione per le specie di uccelli regolarmente nidificanti in Italia e non attualmente in fase di espansione demografica in seguito a recente colonizzazione (ultimi 30 anni). L’approccio sviluppato per definire il FRV di popolazione ha previsto l’utilizzo di tecniche di <em>Population Viability Analysis</em> o, in alternativa, valutazioni basate sulla densità riproduttiva, secondo le caratteristiche di abbondanza e distribuzione delle specie nidificanti (popolazioni maggiori o minori di 2500 coppie, coloniali o non). Sono state prese in considerazione 250 specie nidificanti in Italia, di cui 88 (che comprendono due sottospecie) incluse nell’Allegato I della Direttiva Uccelli (147/2009CE). Complessivamente, per 46 popolazioni appartenenti a 20 specie inserite nell’Allegato I e per 10 popolazioni di 6 specie non incluse, è stato possibile calcolare un valore di FRV attraverso tecniche di PVA. Per 15 specie inserite nell’Allegato e per 92 specie non inserite è stato formulato un FRV in termini di densità riproduttiva a una o due scale spaziali; per le specie con popolazioni superiori a 2500 coppie esigenze spaziali elevate (territori o <em>home ranges</em> di decine di ettari o più) non è stato formulato il FRV a scala locale. Per valutare lo stato di conservazione è stato utilizzato un adattamento della classificazione a “semaforo” proposta dalla Commissione Europea per la Direttiva Habitat, attribuendo a ciascuna delle tre voci considerate (popolazione, range e habitat), un giudizio sintetico: <br />- favorevole: semaforo VERDE. Tutti favorevoli oppure due favorevoli ed uno sconosciuto;<br />- inadeguato: semaforo GIALLO. Uno o più inadeguato/i ma nessuno cattivo; <br />- cattivo: semaforo ROSSO. Uno o più cattivo/i; <br />- sconosciuto semaforo BIANCO. Tre sconosciuti oppure due sconosciuti ed un favorevole.</p><p>Prima di poter attribuire il giudizio a ciascuna voce, è necessario verificare se vi sono fattori che possono portare almeno uno dei tre valori di riferimento favorevole a non essere raggiunto, mantenuto o raggiungibile nel futuro prossimo (<em>warning</em> <em>lights</em>). Complessivamente, 42 specie incluse nell’Allegato I della Direttiva Uccelli hanno stato di conservazione cattivo, 39 inadeguato, 6 favorevole e 1 sconosciuto; tra le specie non inserite, 35 hanno stato di conservazione cattivo, 44 inadeguato, 67 favorevole e 16 sconosciuto Per alcune specie è stato possibile valutare lo stato di conservazione per singole bioregioni e sono state prodotte classificazioni “a semaforo” per ciascuna bioregione ospitante la specie in oggetto. Per essere in stato di conservazione favorevole, una specie non deve essere semplicemente al riparo dal rischio di estinzione, ma deve avere un ruolo “significativo” nel proprio habitat di riferimento, rinvenendosi con frequenze e densità soddisfacenti e ricoprendo le funzioni ecologiche che le sono proprie. Le forti pressioni cui molte specie e popolazioni sono sottoposte (cambiamenti climatici, continuo degrado ambientale, variazioni ad ampia scala nella dinamica di popolazione), rendono necessario valutare accuratamente le minacce e pressioni cui la specie/popolazione sono soggette o potranno esserlo nel prossimo futuro, anche in caso di popolazioni superiori al FRV. Risulta, infine, evidente come i FRV dovranno essere sottoposti a periodica rivalutazione e aggiornamento, sulla base soprattutto dei nuovi dati che ogni sei anni vengono forniti dal Reporting sull’applicazione della Direttiva Uccelli.</p> 2016-12-21T16:41:36+01:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/315 Atlante degli uccelli nidificanti in provincia di Bergamo 2018-06-07T14:51:53+02:00 Giovanni Boano g.boano@gmail.com <p>not available</p> 2016-11-25T08:24:15+01:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/314 Storie di uccelli 2018-06-07T14:51:54+02:00 Tommaso La Mantia tommaso.lamantia@unipa.it not available 2016-11-25T08:18:41+01:00 ##submission.copyrightStatement## https://sisn.pagepress.org/index.php/rio/article/view/316 Aldo Pazzuconi (Canevino 16 agosto 1922 - Stradella 3 marzo 2016) 2018-06-07T14:51:55+02:00 Mauro Fasola mauro.fasola@unipv.it not available 2016-11-25T08:12:43+01:00 ##submission.copyrightStatement##